L’inizio di questa estate un po’ particolare

Written by Team divisionesvago.it. Posted in News

fea nera

Anche quest’anno è arrivata l’estate, la stagione più bella per vivere a pieno la montagna. L’emergenza sanitaria si sta attenuando, ma l’attenzione rimane alta e di conseguenza questa sarà un’estate un po’ particolare.

Abbiamo dovuto cambiare molti dei nostri comportamenti e delle nostre abitudini ed anche “l’andar per monti”, in qualche misura, ne è stato influenzato.

Abbiamo pensato di iniziare con una lunga escursione, priva di difficoltà, molto piacevole per il contesto all’interno della quale si svolge ed utile per mettere nelle gambe un po’ di chilometri. Il nostro itinerario ci ha condotti prima al Colle dell’Albergian e poi alla vetta della Fea Nera.

L’itinerario

Il punto di partenza è la bella frazione di Laux nel comune di Usseaux. La giornata è molto nuvolosa e per gran parte del percorso la visibilità sarà piuttosto ridotta. Per circa un’ora si segue una strada sterrata, poi si supera un alpeggio e si prosegue in un bel bosco di conifere, all’interno del quale si possono trovare alcune belle sculture sugli alberi.

Si volge a destra e si affrontano alcune svolte, mai ripide. Uscendo dal bosco si affronta un lungo diagonale, dove abbiamo la fortuna di vedere da vicino un piccolo gruppo di stambecchi.

Senza ulteriori difficoltà e facilitati dalla poca neve presente raggiungiamo il Colle dell’Albergian, dopo aver superato gli ultimi 400 metri di dislivello, sempre su ottimo sentiero.

Sebbene le previsioni meteo prevedessero l’arrivo della pioggia nel primo pomeriggio, le condizioni rimangono buone e ci spingono a proseguire fino alla vicina vetta della Fea Nera, 2946 metri.

Le tante nuvole non ci impediscono di godere di qualche bello scorcio: molto vicino in direzione Ovest, il Monte Albergian, verso Nord una delle poche vette visibili è il Monte Orsiera, con la sua caratteristica forma, verso Sud invece il Monviso è totalmente nascosto.

21 chilometri, 1600 metri di dislivello: il ritorno è lungo, ma è stato un bell’inizio per questa estate un po’ particolare.

Nuova sezione: vie ferrate

Written by Team divisionesvago.it. Posted in News

In questi giorni di quarantena, il tempo libero è certamente maggiore del consueto. Per metterlo a frutto, abbiamo pensato di arricchire la sezione itinerari con un’attività a cui dedichiamo alcune delle nostre giornate in montagna: le vie ferrate, con la speranza di poter tornare al più presto all’aria aperta.


Un po’ di storia

Le via ferrate nascono alla fine dell’Ottocento, in Austria, ma conoscono un rapido sviluppo a partire dal primo decennio del Novecento. Il tragico evento della Prima Guerra Mondiale vede le Alpi come uno dei suoi scenari principali e l’esigenza di creare avamposti arditi spinge l’esercito italiano e quello austroungarico a creare numerose vie ferrate.

Nel secondo Dopoguerra questi percorsi divennero luoghi della memoria e la mancanza di interesse sportivo portò ad un rapido deterioramento delle loro condizioni. Solo con gli anni Settanta ed Ottanta ed il forte impulso francese, le vie ferrate rinacquero, assumendo una nuova connotazione e diventano in breve tempo “di moda”.


Proprio per via della loro storia, le vie ferrate sono particolarmente numerose nel gruppo delle Dolomiti ed in territorio austriaco, dopo il ricordo della Grande Guerra non si è perso, ma anche sulle Alpi Occidentali si trovano numerosi itinerari. La nostra sezione tratta proprio di questa regione alpina e propone tanto vie ferrate di carattere sportivo, quanto legate alla storia di queste montagne.

Impossibile non ricordare il Monte Chaberton, le sue cannoniere e la nuova via ferrata che permette di raggiungere la cima attraverso il Petit Vallon.

Cascate di ghiaccio: Les Nains des Ravines (FOURNEL)

Written by Team divisionesvago.it. Posted in News


Venerdì 21 Febbraio decidiamo di andare nel vallone di Fournel, vicino a L’Argentière la Bessèe, nella zona francese delle Hautes-Alpes per “fare un po’ di ghiaccio”.
In questo vallone vi sono numerosissime cascate di ghiaccio che, malgrado le temperature non proprio invernali, resistono ancora.
Raggiungiamo quindi la località superando il Colle del Monginevro e dirigendoci verso Briancon. Seguiamo la RN94 per Gap, entriamo nel centro abitato di L’Argentiere e percorriamo la strada del Vallon du Fournel. Fortunatamente, malgrado il fondo sia ghiacciato, riusciamo a raggiungere la Salce, il parcheggio più alto.

La cascata che vorremmo scalare è subito visibile: Les Nains des Ravines.

Raggiungiamo la base e attacchiamo la cascata: per il primo tiro usiamo tutta lunghezza delle nostre corde da 60 metri; il ghiaccio in buone condizioni, ci permette di divertirci fin dall’inizio. Fede riparte e chioda anche il secondo tiro: altri 60 metri che si concludono poco distanti da una “grottina” che raggiungiamo dopo un canale nevoso; la neve è portante e con due picche si sale rapidamente. Partiamo per il terzo tiro, scaliamo altri 60 metri, un po’ impegnativi: la verticalità si fa sentire; il ghiaccio si presenta a 85°, bello consistente. Fede come sempre primo di cordata fa sicura… ci siamo! Siamo in cima. Soddisfatti ci concediamo una bella merenda…prepariamo le doppie per la discesa.


Due calate e siamo nuovamente alla “grottina”: decidiamo di imboccare un tratto nevoso che ci porta ad una sosta: Fede, sicuro, decide che dobbiamo arrivare ad un masso: si ricorda che tempo fa aveva già fatto questa scalata e lì c’era una sosta su cui calarci per raggiungere la base dove avevamo lasciato un po’ di materiale: perfetto! E’ tutto corretto: sosta, calata, zaini e recupero materiale: bravo Fede. Ora non ci rimane che seguire le nostre tracce che in breve ci riportano al parcheggio.
Bella giornata, ambiente magico…CIAU!