Si cerca di raggiungere un obbiettivo, si lavora per riuscire a realizzare un progetto, si vince, si perde, il risultato non ha importanza, hai dimenticato qualcosa in questo turbinio di eventi: famiglia, cura di te stesso e il sano divertimento; vogliamo proporti spunti, idee e immagini che riaccendano la necessità di interrompere per un solo istante il sovraccarico di stress lavorativo o di altra natura, come?
... be' cominciamo poi si fa sempre in tempo a rimediare!!!

Gli itinerari di Divisionesvago

Rafting sullo Stura di Lanzo

Written by Team divisionesvago.it. Posted in News

Ecco il video della nostra ultima avventura in montagna!

Una grande giornata in Val di Lanzo per sperimentare questo nuovo sport: il rafting. Per l’occasione abbiamo percorso il fiume Stura di Lanzo, da Pessinetto fino all’abitato di Rozello. Un susseguirsi di rapide e piccoli invasi d’acqua ci ha condotto in un ambiente unico e ci ha offerto una prospettiva differente da quella abituale. Una bellissima esperienza!

Trovate qui tutte le informazioni per provare questa particolare attività.

Val Grande: Pizzo Marona 2051 m

Written by Team divisionesvago.it. Posted in News

Il Parco nazionale della Val Grande è un’area naturale protetta, interamente compresa nei confini della provincia del Verbano Cusio Ossola, nata per preservare la zona selvaggia più estesa delle Alpi e d’Italia.
La grande estensione del territorio privo di insediamenti umani, le caratteristiche dure dei paesaggi e il panorama offerto dalle Alpi fanno del parco una meta ambita per gli amanti della natura e del trekking.

L’escursione parte da Cappella Porta (Caprezzo , VB ) dove lasciata l’auto in un comodo parcheggio, si inizia a percorrere il sentiero numero 9 che si inoltra in un bel bosco fino al rifugio Piancavallone (1564 m).

Dal rifugio, pochi passi sono sufficienti a salire sulla soprastante sella, un’accogliente distesa erbosa, unica nella Val Grande. La si attraversa in relax con lo sguardo che divaga tra Val Pogallo e Valle Intrasca, con bei colpi d’occhio su Pogallo e Cicogna, borgo capoluogo della Val Grande.

Alla cappella dedicata alla Madonna di Re (patrona del Parco della Valgrande) e al relax della spianata subentra l’impegno della cresta. Seguendo inizialmente il sentiero proveniente da Soliva-Cicogna (segnavia 11) si va in piano a superare alcune roccette provviste di catene, fino al Colle della Forcola (1518 m). Si prosegue sul versante destro della Cima Cugnacorta, che si aggira attraversando canali alternati a ripidi pendii erbosi, agevolati da catene nei tratti più impegnativi. Si raggiunge così la ripida scalinata (facilitata da catene) detta “Scala Santa” che” che consente di guadagnare il filo di cresta, in punto caratterizzato da un piccolo intaglio detto Passo del Diavolo, esposto ma facile e protetto da catene.
Brevi diagonali e un’ultima ripida rampa innalzano alla cappella – rifugio dedicata alla Madonna della “Brascarola” (la pentola forata per la cottura delle caldarroste) a pochi metri dalla cima del Pizzo Marona.